UGL TAF

COMUNICATO ADESIONE SCIOPERO ITALO-NTV

Scritto il 07/10/2018

Grande Adesione dei Lavoratori allo Sciopero in ITALO-NTV

Si è da poco conclusa la prima azione di sciopero di 24 ore in ITALO-NTV, protesta che ha visto una grande adesione da parte di tutti i lavoratori e lavoratrici. Le maestranze dopo aver bocciato, attraverso il referendum, l'ipotesi di accordo del 13 luglio 2018 ed aderito allo sciopero di 8 ore dello scorso settembre, hanno incrociato di nuovo le braccia per 24 ore a partire dalle 21 di ieri. La riapertura del confronto negoziale e l'adesione al contratto collettivo nazionale delle attività ferroviarie sono le rivendicazioni principali nostre, dei lavoratori e delle lavoratrici. Come Uiltrasporti, Ugl AF e Orsa Ferrovie continuiamo a coordinare le azioni di protesta dei dipendenti della società amministrata da Flavio Cattaneo lanciando un chiaro messaggio di dissenso di sottostare ad un contratto aziendale come quando l’azienda era un’impresa in start up. Uscita dalla crisi del 2014, attraverso il sacrificio dei lavoratori e delle lavoratrici, tramite il contratto di solidarietà, Italo-NTV oggi ha i conti floridi ed una proprietà solida; un'espansione costante sul mercato del trasporto ferroviario dell'alta velocità ed un load factor dei propri treni che non lascia dubbi sullo stato di salute dell'azienda. Pertanto noi e tutti i dipendenti crediamo fermamente nella necessità di aderire pienamente nel CCNL AF. Il comportamento di Italo-NTV nell'odierna giornata di sciopero è stato, ancora una volta, fortemente irresponsabile poiché, preoccupati della sola immagine aziendale, ha continuato a negare l'azione di lotta dei propri dipendenti continuando a fare annunci al pubblico di generiche soppressioni per "esigenze operative". Anche in queste 24 ore di astensione dal lavoro abbiamo visto l'insostenibile pratica aziendale di sostituzione dei dipendenti scioperanti con i diretti superiori. Un numero irragionevole di comandi, di gran lunga superiori a quelli previsti per legge, sono stati erogati ai dipendenti con la speranza di ridurre la determinazione a scioperare. La protesta ha visto una grande adesione dei lavoratori e delle lavoratrici, molte le soppressioni e i ritardi oltre 90 minuti. Ci risulta, per ora, la cancellazione dei treni 9901 - 9965 - 9900 - 9966/9968 - 9919/9921 - 9920 - 9972 - 8995 e ritardati di oltre 90 minuti i treni 9958 e 9959. Registriamo durante il nostro "presenziamento" nelle stazioni che Italo-NTV evitava di annunciare le soppressioni.   Il giorno 11 ottobre, ITALO-NTV ha convocato le parti sindacali per la questione contrattuale, speriamo di rasserenare gli animi di tutti e trovare punti d'incontro di questa difficile negoziazione, se così non fosse siamo pronti fin da ora a proclamare altre 24 ore di lotta con ulteriori iniziative da mettere in campo. 
 
Roma, 7 ottobre 2018.
Le Segreterie Nazionali



Scarica il comunicato.pdf Scarica il comunicato